Progetto Supportato

talibes

Assistenza ai bambini talibé del Senegal nella Maison de la Gare

Nel 30 ° anniversario dei diritti dell'infanzia, sosterremo i bambini dimenticati del Senegal, i bambini Talibé. Molto piccoli, giá a 4 anni, i Talibé vengono consegnati dai loro genitori a un leader religioso, un marabout, convinti che avranno accesso a una vita migliore. In realtá, quest'eperienza si trasformerá in un vero inferno.

Questo progetto nasce dall'urgente necessità di aiutare questi piccoli che sono costretti a elemosinare denaro, riso e zucchero da consegnare al loro tutore religioso, "il loro padrone", che li punirà fisicamente e psicologicamente se non conseguiranno la quota giornaliera.

Vivono stipati nelle scuole coraniche, le daara, in condizioni inaccettabili, senza acqua potabile o latrine, isolati e socialmente esclusi, senza accesso all'istruzione o alle cure sanitarie di base nonostante soffrano di numerose malattie, in particolare la scabbia.

Nella Maison de la Gare di Saint Louis, i bambini vengono accolti, curati, nutriti, guariti dalle loro ferite. Trovano amore e tranquillità.

Assistenza sanitaria ed educativa ai bambini talibé in Senegal

Progetto al quale partecipano le aule studio di Spagna, Lussemburgo, Regno Unito, Francia, Belgio, Hong Kong e Italia

Titolo tecnico del progetto: formazione sanitaria degli infermieri per la prevenzione e il trattamento delle malattie infettive nei bambini talibé

Partner collaboratore: Itwillbe

Stanziamento: 24.924 euro

Ubicazione: Saint Louis. Senegal

Finanziamento: Fondazione Caja Navarra

Partner locali: Maison de la Gare

Beneficiari diretti: 1.100 bambini talibé tra i 4 e i 12 anni che vivono in condizioni di semi schiavitù e senza assistenza sanitaria nelle scuole coraniche di Saint-Louis.

Periodo di esecuzione del progetto: 9 mesi

Obiettivo del corso: Restituire la dignità a questi bambini migliorando il loro stato di salute e in generale le loro condizioni di vita

Questo progetto nasce dall'urgente necessità di servire gli oltre 50.000 bambini, chiamati Talibé, che sono attualmente costretti a chiedere l'elemosina per le strade di diverse città del Senegal, ma soprattutto a Saint-Louis e Dakar. I bambini, a partire da 4 anni, anche malati sono costretti a elemosinare per ore infinite e percorrere lunghe distanze per ottenere denaro, riso o zucchero. Per la mancata consegna della quota giornaliera ai loro tutor religiosi, di fatto loro padroni, chiamati Marabou, sono puniti fisicamente e psicologicamente.

Questi bambini talibé sono vittime delle reti di mafia della tratta di esseri umani che esistono in Senegal, Gambia e Guinea che, protetti dalla tradizione, dall'applicazione lassista delle leggi e da una visione rigorosa della religione, prelevano i bambini nelle aree rurali, tra gli strati sociali piú svantaggiati. Li trasferiscono nelle città, dove rimangono al servizio del Marabú, che li utilizza come fonte di reddito. Sono quindi isolati, socialmente esclusi, in una situazione legale incomparabile nei paesi occidentali ma reale nell'Africa occidentale, al di fuori dei censimenti e dell'accesso all'istruzione e all'assistenza sanitaria di base. Vivono nelle Daaras, scuole coraniche lontane dalle loro case, in condizioni insalubri e inaccettabili, sovraffollate e senza accesso all'acqua potabile o alle latrine.

Queste condizioni di vita violano tutte le convenzioni internazionali sul rispetto dei diritti dell'infanzia, di cui il Senegal è firmatario. Ma al di là di ciò che è stato firmato, la realtà è analfabetismo, isolamento sociale, malnutrizione, malattie, abusi fisici e, in molti casi, traffico di persone e organi. Le crisi sanitarie sono preoccupanti, in particolare la diffusione di malattie digestive, respiratorie e cutanee infettive di molti tipi, in particolare la scabbia, che è la patologia che colpisce maggiormente i bambini talibé in Senegal. Al momento almeno 5000 bambini nella città di Saint-Louis ne soffrono. I Marabou non sottopongono i bambini malati alle cure ospedaliere, appellandosi alla mancanza di mezzi e alla sfiducia nelle strutture sanitarie.

La Maison de Gare. È un centro di accoglienza dove i bambini talibé possono trovare tranquillità, essere curati e rimettersi. Costituisce un riferimento nazionale e internazionale, che lavora mensilmente con oltre duemila bambini talibé a Saint Louis. Il suo direttore ha ricevuto dal Segretario di Stato del governo americano, John Kerry il World Hero Award contro la tratta delle persone.